Etichette

venerdì 30 marzo 2012

RAVIOLI ZUCCA E ASPARAGI

Prese da una irrefrenabile ispirazione e grazie agli asparagi di papà Peppe e alla zucca di mamma Barnaba, ecco a voi questa delicata ed eccezionale creazione...!!!
La ricetta per l'impasto dei ravioli la trovate qui, con solo l'aggiunta della crema di asparagi (che vi spiegheremo più avanti) ed invece di creare le "busiate" fare delle mezze lune (sarebbe stato anche bello creare dei cappelletti ma ci voleva più tempo!!)
*Questa ricetta può essere un utile suggerimento per il menù pasquale!




INGREDIENTI (per 4 persone)
Per il ripieno:
400 gr di zucca
2 patate grandi bollite e schiacciate
4 cucchiai di parmigiano
sale, pepe, noce moscata

PROCEDIMENTO
In un tegame mettere la zucca pulita e tagliata a pezzi medi, con un po' d'acqua e sale. Lasciare cuocere e "spappolare" per almeno 20 minuti. Quando è quasi cotta, raccogliere un po' dell'acqua della zucca e mettere da parte. Continuare a rendere la zucca una purea e fare asciugare l'acqua. Appena pronto, fare raffreddare per bene ed aggiungere patate, noce moscata, parmigiano, amalgamando il tutto (con le mani!!), aggiustare di sale e pepe. Stendere la pasta con "la nonna papera", creare e riempire i ravioli nella forma che preferite. Noi abbiamo fatto il tutto con una rotella dentata e creato delle mezze lune.

INGREDIENTI Per le creme di ASPARAGI e ZUCCA
500 gr di zucca (già pulita e a pezzi)
25 cl di panna da cucina consentita
sale, pepe, rosmarino
cipolla (poca)
olio

300 gr di asparagi
25 cl di panna da cucina consentita
sale, pepe
cipolla (poca)
olio

PREPARAZIONE
Mettere la zucca tagliata a pezzi in un tegame con un po' d'acqua e sale. Lasciare cuocere finchè non  sarà ben cotta e facile da schiacciare. Far asciugare per bene l'acqua ( o toglierla con un mestolo) ed aggiungere olio, cipolla, pepe e lasciare cuocere per altri 15 minuti. Aggiungere la panna.
Bollire gli asparagi e frullare. In un altro tegame mettere olio, cipolla e lasciare rosolare per pochissimi minuti...
Aggiungere il frullato di asparagi e la panna. Lasciare cuocere per qualche minuto.

PRESENTAZIONE PIATTO

Dunque, noi abbiamo optato per un assaggio con tre salse diverse ovvero con crema di zucca, di asparagi e burro e salvia (ogni variante accompagnata con lo speck saltato in padella e parmigiano). Alla fine però abbiamo provato ad unire la salsa di asparagi a quella di zucca ed era ottima...Ricordate di spolverizzare il tutto con del parmigiano!!!

mercoledì 28 marzo 2012

AGNELLO AL LIMONE E ERBE

Essere studentesse "fuori sede" vuol dire acquisire delle abitudini particolari e diverse da quelle degli altri colleghi che restano a vivere con la propria famiglia o che comunque vivono nelle stessa città nella quale vi è l'Università...Tra le varie condizioni di differenza c'è quella delle mamme che riempiono le nostre borse-frigo e le nostre valigie di un'enorme quantità di sughi pronti, carne già preparata e condita e di ortaggi e frutta dei rispettivi giardini a coltivazione diretta...La cosa che ha accomunato le nostre diverse mamme non è stata solo questa ma anche il fatto di preparare il tutto in quantità industriali per tutte le coinquiline della casa, ed in molte occasioni anche senza glutine (la parmigiana di melanzana senza pangrattato, le scaloppine senza farina, etc)... Fortunatamente nel corso degli anni si sono stufate ( o forse è stato causato dalle nostre ricorrenti minacce a causa di diete, orari differenti, gusti diversi, mancanza di spazio nel frigo-freezer) e soprattutto perchè fortunatamente come vedete abbiamo imparato bene a fare da noi... Tuttavia, il caso dell'agnello è un "regalo" di una delle nostre mamme... Noi abbiamo optato per questa semplice e saporita ricetta, le cui erbe sono sempre del giardino di  papà Peppe.
*Questa ricetta può essere un utile suggerimento per il menù pasquale!

INGREDIENTI:
1,5 Kg di agnello
3/4 di un bicchiere di succo di limone
3/4 spicchi di aglio
Salvia, rosmarino, origano, alloro, timo,
pepe, sale, olio
un limone a pezzetti 

PROCEDIMENTO

Lavare e mettere a gocciolare l'agnello. Porre i pezzi in un contenitore abbastanza capiente e mettere dentro tutte le erbe, gli spicchi di aglio battuti, olio sale, pepe, limone. Lasciare  macerare per almeno 3 ore. Poi passare tutto in una pirofila (anche il sughetto) e mettere al forno, coperto inizialmente con carta alluminio, a 180° finchè non inizia a bollire. Dopo, scoprire e cuocere per altri 20 minuti, controllando che non si asciughi troppo.
Accompagnare con contorno a piacere.
BUON APPETITO!

lunedì 26 marzo 2012

LE RIFATTE SI FANNO LA PASQUA

Valentina non è solo una (LA) foodblogger senza glutine, è un'amica, una mamma instancabile che cento ne pensa...e mille ne fa!
Non solo ha creato il meraviglioso appuntamento delle RIFATTE SENZA GLUTINE, si è messa in testa di raccogliere le ricette di Pasqua così da poter dare un po' di idee ai celiaci (e non) che festeggeranno la Pasqua. In particolare, può essere utilissimo per tutti i non celiaci che condivideranno questo giorno con amici, fidanzati, suocere, parenti celiaci...così da poter gustare con tutti gli stessi piatti e le stesse bontà, con pochi problemi, variando e proponendo delle novità!
Grazie al supporto di Marcella è possibile scaricare il pdf delle ricette da qui ed esporre il bellissimo banner che segue.

lunedì 19 marzo 2012

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE BARESI..PER FARE GLI AUGURI AI PAPA'!

Non ci perdiamo in troppe chiacchiere. Tra le tante fortune della nostra vita c'è quella di avere DAVVERO dei papà speciali. Nessuna festa può rendere onore a questi uomini così straordinari..i primi  della nostra vita in ordine di tempo e di importanza!Tra le tante cose che ci accomunano c'è quella di avere dei genitori fuori dal comune, aperti mentalmente, intelligenti, sempre vicini ai nostri bisogni (non solo quelli materiali), di essere accorti, affettuosi, gelosi ma non troppo...insomma siamo proprio FORTUNATE!Non vogliamo essere banali nel dirlo perchè troppo spesso di tutte queste cose ci dimentichiamo, mettiamo davanti a tutto i nostri bisogni e i nostri capricci, ci risparmiamo baci e parole tenere. Si sono avvicinati perfino alla tecnologia per starci vicini da quando siamo all'università e ogni tanto ci sorprendono con dei messaggi dolcissimi!Queste golosità sono tutte per voi..nonostante il colesterolo alto!VI VOGLIAMO BENE PAPA'!



INGREDIENTI ( 20 zeppole circa)
150 gr di farina Bi-aglut 500 gr
125 gr di burro
250 gr di acqua
4 uova
un pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci consentito
1 e1/2 cucchiaino di zucchero

PROCEDIMENTO

Mettere su fuoco moderato un tegame antiaderente con  l'acqua, il burro, un pizzico di sale e il cucchiaino di zucchero. Portare ad ebollizione. Versare in un solo colpo la farina, mescolare per bene finchè l'impasto non  si stacca dalla pareti del tegame. Lasciare raffreddare. Appena freddo aggiungere uno per volta le uova, lasciandoli incorporare per bene all'impasto prima di aggiungere gli altri. Con l'ultimo uovo aggiungere anche il lievito. Mettete l'impasto in una sac à poche e create delle ciambelle su in foglio di carta forno. Passatele in forno per 5 minuti appena, uscitele e tuffatele in olio caldo non troppo forte.
Sempre con la sac à poche distribuite sopra della crema pasticcera al limone (che trovate qui), dei pezzetti di ciliege candite e zucchero a velo!!!!

POLLO E RISO AL CURRY CON VERDURE

La cena-serata delle sole "coq"...senza uomini, amici, nè vicini!! Finalmente il tanto desiderato Signor pollo al curry è arrivato per la felicità delle coinquiline a dieta e per la felicità della celiaca di casa che ha dovuto cucinarlo...in collaborazione!!!!
Per l'acquisto delle verdure abbiamo fatto coincidere questo giorno con il martedì, perchè da singolari studentesse universitarie acquistiamo quintali di frutta e verdure al mercato rionale, piuttosto che le raffinate bustine già pronte di insalate&co. Dunque, la mattina prima di andare a lezione passeggiatina al mercato per comprare verza, zucchine, funghi, carote etc...nel pomeriggio presto supermercato e macellaio, studio, pausa tè e via ai fornelli e coltelli...:-)
Attesa estenuante, soprattutto, dovuta alla casa sommersa dal profumo di curry (tanto che una cara vicina ci ha detto che anche in ascensore si sentiva l'odore!!!!) finchè è arrivata l'ora di sbracciarsi e cominciare a mangiare!!!
Ecco a voi il risultato...GODURIA...

INGREDIENTI (per SETTE ragazze MANGIONE)
9 pezzi di pollo (più cosce);
1kg di cavolo cappuccio;
400 g di carote;
500 g di funghi champignon;
4 zucchinette genovesi;
2 coste di sedano;
2 cipolle belle grandi;
700 g di riso originario;
30 g di burro;
1 limone (succo e un po' di scorza grattugiata);
25/30 g di curry in polvere (quasi una boccetta);
1 bicchiere di latte
1/2 bicchiere d'acqua
1 tazzina di salsa al curry (Suzi wan)
pepe, sale, olio
PROCEDIMENTO
Lavare il pollo e asciugarlo con un canovaccio. Metterlo ad insaporire, per circa un ora, con curry, un cucchiaino di salsa di curry, sale, mezza cipolla a fettine, pepe, un filo d'olio e il succo di appena mezzo limone. In una padella antiaderente, mettere un fondo di olio, 1/2 cipolla, pepe e curry abbondante, fare scaldare appena e mettere i pezzi di pollo incisi con un coltello. Fare rosolare per bene e poi coprire per almeno 20 minuti, aggiungendo sale, curry e la salsa di curry rimasta. Trascorsi i 20 minuti scoprire e fare rosolare ancora, aggiungendo ancora mezza cipolla. A questo punto aggiungere il succo di limone e le scorzette (poche), fate evaporare e versare il latte e mezzo bicchiere d'acqua calda. Abbassare la fiamma, aggiustare di sale e di curry a piacimento e lasciare cuocere.
Nel frattempo, tagliare a julienne le carote, le zucchine e il sedano. Tagliare la verza a striscioline e i funghi sottili. Scaldare bene un wok appena unto di olio, buttare dentro prima la verza, le carote, l'altra cipolla intera,  il sedano (perchè la loro cottura è più lunga) e spolverizzare abbondantemente di curry. Mantenere il fuoco medio/alto, lasciare appassire e colorare le verdure. A metà cottura (circa 15 min) aggiungere funghi, zucchine e ancora curry, sale e pepe.
Lessare il riso. Appena scolato, aggiungere il burro in modo che si sciolga e unga tutto il riso. Mettere il riso in una teglia e passare nel grill al forno, facendolo tostare.
Servire pollo, riso e verdure separatamente, così da lasciare liberi i commensali di "costruire" il loro piatto!!
DA LECCARSI LE OSSA!!!!

giovedì 15 marzo 2012

RIFATTE SENZA GLUTINE: ARROSTO ALLA PANNA

Eccoci al nostro consueto e sempre tanto atteso appuntamento con le rifatte!  Noi siamo ormai delle veterane di questa gustosissima iniziativa, ma chiunque volesse unirsi al coro può trovare tutte le informazioni per partecipare qui.
Il 15 di ogni mese ci trova sempre ingrassate di qualche grammo e infatti abbiamo pensato bene di iscriverci in palestra!!! Ciò (qualora ci fosse bisogno di sottolinearlo) non ha frenato la nostra voglia di cimentarci ancora una volta con la "prescelta" del mese, anzi, a giudicare dai complimenti ricevuti da amici e parenti con questo piatto abbiamo superato tutte le aspettative, sfornando (nel vero senso della parola) una delle nostre migliori creazioni (modestia a parte :D )!
Ecco a voi la nostra rifatta:



Chi avuto il piacere di assaggiare questa delizia l'ha persino eletta a "piatto delle Feste", annunciando già da adesso che sulla tavola del prossimo pranzo di Pasqua si ergerà trionfante una bella arista alla panna :)
Il merito naturalmente va tutto all' arrosto di Sonia, che ci ha fatto fare davvero un figurone memorabile.
Rimanendo come sempre fedeli alla filosofia delle rifatte, non abbiamo stravolto l' idea originale, quindi ci limitiamo a riportare solo le nostre modifiche:
-Abbiamo usato la panna fresca anzichè quella da cucina;
- Dopo la cottura abbiamo ricoperto l'arrosto con il brodo e infornato per qualche minuto;
-Non abbiamo usato un brodo di carne pronto, bensì uno appena fatto con carne di vitello (appunto preparato in brodo);
-dei sei cucchiai di aceto uno di questi era balsamico;
-oltre al rametto di rosmarino, come previsto dalla ricetta, ne abbiamo messo uno di salvia.

Vi diamo appuntamento al 15 Aprile con il Blitz di mele di "Un Cuore di farina senza glutine".
Alla prossima rifatta dunque...! :)

 

lunedì 12 marzo 2012

I NOSTRI PRIMI MACARONS

I motivi per cui abbiamo deciso di cimentarci nella preparazione di questi dolcetti sono numerosi: le continue richieste delle amiche, la presenza in tutti i film e telefilm di ultima generazione, i mille post presenti nella blogosfera e ultimo motivo ma non per importanza il fatto che sono naturalmente senza glutine (stando sempre attenti, però, alla "provenienza" degli ingredienti, all'eventuale pericolo di contaminazione).
Abbiamo letto e studiato mille post e alla fine abbiamo scelto la ricetta di questo blog a noi sconosciuto: "I dolci di Caia", abbiamo trovato semplice la descrizione e anche il procedimento. Abbiamo però fatto qualche modifica dovuta a qualche piccola imprecisione. Andiamo al risultato: il gusto eccellente, l'aspetto e la cottura da migliorare. Il forno era forse troppo caldo nonostante fosse stato riscaldato a 120° gradi circa; sono stati in forno 9 minuti ma forse dovevano starci meno in modo tale da mantenere la "faccia" ben liscia, la morbidezza dell'interno c'era ma qualcuno si è cotto un po' troppo.
Il risultato è questo:
Rispetto alla ricetta originale che trovate qui abbiamo aggiunto 30g di zucchero semolato mentre sbattevamo l'albume (tenuto fuori dal frigo per un giorno), qualche goccia di succo di limone e un pizzico di sale.
Se avete consigli e suggerimenti, siamo ben liete di prendere appunti!!!

lunedì 5 marzo 2012

CHINESE DINNER

Finalmente!Finalmente abbiamo messo a tacere la nostra voglia irrefrenabile di cibo orientale!Su suggerimento di alcune amiche abbiamo trovato un supermercato molto fornito di prodotti da importazione e il sabato pomeriggio scorso abbiamo passeggiato tra i reparti. Certo, a molte cose abbiamo dovuto rinunciare perchè per delle studentesse i soldi non sono mai abbastanza..!Certo è che le cose che più ci interessavano avevano un buon prezzo e abbiamo potuto fare scorta!E allora via con salsa di curry, di soia, spaghetti di riso e di soia, foglia di riso e tante altre prelibatezze!Arrivate a casa ci siamo subito messe all'opera, facendo un po' tutto ad occhio e cercando di replicare i sapori già conosciuti.
Per prima cosa abbiamo provato gli involtini primavera...il dubbio era se cuocerli al vapore, o in forno...ma se proprio le cose dobbiamo farle, le facciamo giuste..e allora fritti!
INVOLTINI PRIMAVERA
(le dosi sono un po' ad occhio)
4 carote circa;
1 cavolo verza;
3 cipolotti
8 fogli di riso;
salsa di soia (senza glutine Save);
olio per friggere.
PROCEDIMENTO:
Tagliare tutte le verdure a listarelle, lavarle e passarle in padella con un filo di salsa di soia (abbiamo aggiunto anche dell'acqua). Le abbiamo lasciate un po' sul croccante e quindi le abbiamo cotte solo 10 minuti!
Inumidire un panno pulito e adagiare sopra, 2 per volta (in modo da non sovrapporli) i fogli di riso. Ripiegare su di essi il panno e lasciare per qualche minuto finchè non si saranno ammorbiditi. Riempirli e far in modo da chiudere per bene.



Friggerli in olio ben caldo. (Noi abbiamo utilizzato, forse, troppo olio e qualcuno si aperto, riproveremo con poco olio).
Accompagnare con salsa di soia, se gradita.
Abbiamo poi preparato gli SPAGHETTI DI SOIA ALLA CANTONESE:
250g spaghetti di soia;
piselli;
100g prosciutto cotto a dadini;
2 uova;
2 cipollotti;
curry e salsa di soia.
PROCEDIMENTO:
Mettere in ammollo in acqua fredda gli spaghetti di soia. Nel frattempo, in acqua salata cuocere i piselli. In una padella con un filo d'olio, far soffriggere il prosciutto e le uova, strapazzandole. Aggiungere i piselli. e cuocere 10 minuti con curry e salsa di soia.
In acqua salata cuocere gli spaghetti per circa 3 minuti, passare in padella e far saltare con tutti gli ingredienti! Noi abbiamo aggiunto tanta salsa di soia, è da utilizzare secondo il gusto.

BUON APPETITO!

giovedì 1 marzo 2012

PASTA IN BRODO DI PESCE

Ecco a voi una nostra ricetta della tradizione trapanese. Questa pasta con brodo di pesce originariamente era un piatto povero, consumato soprattutto dai pescatori che, portando a casa le rimanenze della giornata di vendita del pesce, cucinavano questo gustoso brodo, dal sapore vivo e intenso. La tradizione prevedeva, inoltre, di "calare" nello stesso brodo gli spaghetti spezzati.
Oggi la pasta col brodo di pesce è un pò snobbata, soprattutto perchè la gente non riesce più a riconoscere la qualità e il gusto del nostro pesce fresco, preferendo pesce spada e calamari importati da chissà dove.
Nelle nostre zone si preferisce molto di più il "couscous con brodo di pesce" tipico trapanese, spesso ignorando il fatto che quello del cous cous è fatto con pesci di "scarso pregio": vope, scorfani, cipolle, tracina,
Noi approfittando di un paio di giorni di sole e mare calmo, abbiamo acquistato al mercato delle freschissime vope. Noi abbiamo preferito lo spaghetto rotto, chi volesse può anche fare del cous cous.



INGREDIENTI (per 4 persone)
4 vope
200 gr di pomodori pelati
2 spicchi di aglio
mezza cipolla
un mazzetto di prezzemolo
olio, sale e pepe
peperoncino
Spaghetti (per noi Piaceri Mediterranei)
PREPARAZIONE
In un tegame capiente, mettere la cipolla tritata, l'aglio a fettine, olio, pelato, prezzemolo, sale e pepe. Lasciare rosolare e asciugare per bene il pelato. Dopo circa 20 minuti di cottura aggiungere acqua abbontante e portare ad ebollizione. Non appena bolle immergere i pesci sventrati e privati delle squame.  Sarebbe opportuno immergere gli spaghetti spezzati direttamente nel brodo di pesce, mettemdo da parte i pesci. Noi però preferiamo cuocerli in una pentola con metà acqua mischiata a brodo. Appena cotti scolare e aggiungere altro brodo, un pizzico di peperoncino e pezzetti di pesce pulito e privato delle lische.
BUON APPETITO!