Etichette

domenica 24 aprile 2011

CAPRETTO ALLA CASTELLUCCESE

Molti di voi sicuramente non conoscono Castel di Lucio, un suggestivo paese in provincia di Messina che ha rubato il nostro cuore.
Questo capretto è legato ad una meravigliosa giornata in questo piccolo paesino di montagna, in compagnia di buoni amici, buon vino e buone pietanze, in particolare questa (preparata da uno chef d'eccezione) che abbiamo cercato di replicare.
Con questa ricetta vi auguriamo una Pasqua serena, in famiglia, piena di piccoli piaceri e piccole gioie.

p.s: concedeteci qualche piccolo errorino dovuto al passaparola!!


INGREDIENTI:
(per 8 persone)

2,5 kg di capretto in pezzi;
2 kg di fave (peso con guscio);
6 cuori di carciofi;
1 mazzetto di finocchietto;
1 cipolla;
1 bottiglia di spumante brut;
1/2 bicchiere di grappa;
erbe ed aromi;
olio;
sale.

PROCEDIMENTO:
Porre il capretto già lavato e tagliato in piccoli pezzi in una terrina. Coprire con pepe, erbe varie, aromi (noi alloro, salvia, rosmarino, timo) e con lo spumante. Lasciare marinare mezz'ora.
Nel frattempo sgusciare le fave, lavarle e sbollentarle con un po' di cipolla.
Successivamente farle saltare in una padella con  l'olio e aggiungere 1/2 bicchiere di grappa.
Pulire i carciofi fino a lasciare i cuori, metterli in ammollo in acqua e limone.
In un tegame ampio far soffriggere in olio una cipolla, mettere il capretto (che avrete salato una volta tolto dalla marinatura) e lasciarlo dorare. Dopo una decina di minuti aggiungere le fave. 
Soffriggere un po' i carciofi e aggiungerli al capretto.
Sbollentare il mazzetto di finocchietto e aggiungerlo alla carne.
Lasciare cuocere per circa un'ora a fuoco moderato. 
Correggere di sale e pepe.

BUON APPETITO!!!

2 commenti:

Tinny ha detto...

Tantissimi auguri, un abbraccio.

La Gaia Celiaca ha detto...

questo capretto dev'essere squisito!

buon 25 aprile!