Etichette

lunedì 23 dicembre 2013

I cioccolatini di Natale e un dolce liquore

Natale è arrivato…per noi Spuntine con un regalo in anticipo, sì, perchè il nostro regalo è stato quello di creare e continuare a far parte della redazione-gruppo di "GLUTEN FREE TRAVEL & LIVING" .
Con queste splendide donne abbiamo intrapreso un cammino importante, ricco di energia, passione, creatività, coraggio, dedizione e speranza…la speranza per coloro, che celiaci come noi, possano vivere un mondo a colori e senza limiti, a partire da questo, seppur critico, ma “magico” Natale.
Per questo abbiamo deciso di  fare i nostri più cari auguri alle nostre amiche di Gluten free travel & living e a tutti voi che ci seguite, portandovi ad Erice e condividendo con voi queste dolci ricette.
FELICE NATALE A TUTTI!

LIQUORE ALLA LIQUIRIZIA



INGREDIENTI:
175 g di Liquirizia in polvere
1300 ml di acqua
500 ml di alcool puro
750 g di zucchero
300 ml di Sambuca

In una pentola versare lo zucchero e la polvere di cannella, avendo cura di ridurre bene in polvere quest’ultima perché tende a solidificarsi nella sua scatola di conservazione. Poco per volta aggiungere l’acqua e mescolare avendo cura di non creare grumi. Mettere sul fuoco e mescolare finché non avrà raggiunto il bollore. Spegnere subito.
Lasciare raffreddare e aggiungere alcool e sambuca.
Riporre in freezer e uscire qualche minuto prima di uscire…

DOLCETTI DI SAN NICOLA



(La ricetta originale è del maestro pasticcere Pantaleo dell’Olio della PasticceriaSan Pietro di Bisceglie (BAT)
INGREDIENTI
270 g di zucchero
133 g di acqua
333 g di farina di mandorle senza glutine*
100 g di cioccolato fondente senza glutine*
120 g di mandorle tostate
6 cucchiai di zucchero
scorza d’arancia
4 gocce di rum in fialetta

PROCEDIMENTO

Bollire l’acqua e lo zucchero, aggiungere la farina di mandorle e mescolare per circa 1 minuto. Togliere dal fuoco ed aggiungere il cioccolato sminuzzato. Mescolare finché non si sarà sciolto. Lasciare raffreddare l’impasto. Mentre, versate in un padellino antiaderente, le mandorle tostate tritate grossolanamente e i 6 cucchiai di zucchero. Riporre sul fuoco e lasciare sciogliere lo zucchero continuando a mescolare le mandorle. Quando saranno abbastanza colorate, spegnere il fuoco e lasciare raffreddare disponendo le mandorle su un foglio di carta da forno.
Con l’impasto di farina di mandorle e cioccolato formate delle palline e passatele nelle mandorle pralinate. Riporre nei pirottini.


venerdì 20 dicembre 2013

GLUTEN FREE (Fry) DAY: Rotolo con crema alla Liquirizia e panna alla menta

Buon BUON GLUTEN FREE (Fri)DAY...

 

Famosissima liquirizia italiana AMARELLI, viene lavorata da quest'antica azienda dal 1730.
 Abbiamo voluto acquistare questa scatola di polvere di  liquirizia (GF) come segno d'affetto e di stima verso una delle donne che oggi dirige la Fabbrica Amarelli, Pina Mengano Amarelli. Pina cambia il progetto della sua vita, e da assistente di diritto romano diventa erede dell'azienda di Giuseppe Amarelli, il Barone dolce, stregata dalla magia delle radici della pianta di liquirizia
Tutto ciò grazie alla lettura di un libro di Licia Granello che ci ha appassionate "Il gusto delle donne".


In questo libro vengono raccontate storie di vita e di lavoro di donne italiane che amano il cibo e il buon gusto. 

"...sono sempre donne le vere artefici del piacere a tavola. Donne che, con dolcezza e intransigenza, curano la qualità assoluta dei cibi, ricercano sapori antichi e nuovi. Lo dimostra questa entusiasmante galleria di ritratti di venti grandi signore del gusto. Madri e nonne, single e sposate, hanno coltivato spesso nell’ombra ma con passione inesorabile ciascuna la propria vocazione, chi per il vino, chi per il formaggio, chi per il pane o la liquirizia, chi per l’accoglienza e la ristorazione..." 



INGREDIENTI (per il rotolo):

5 uova
5 cucchiai di Farina Bi Aglut da 500 gr
5 cucchiai di zucchero
1 cucchiaio di acqua
1/2 bustina di lievito
2 cucchiai di cacao amaro
250 ml di panna fresca
2 cucchiai di zucchero semolato
3/4 cucchiai di sciroppo di menta
uu pizzico di colorante verde per alimenti consentito

INGREDIENTI (per la crema):

200 gr di zucchero
500 ml di latte
25 gr di liquirizia Amarelli in polvere
30 gr di amido di mais

PREPARAZIONE

In una ciotola mettere le uova, il cucchiaio di acqua e iniziare a sbattere con lo sbattitore per circa 10 minuti, finchè non risulteranno spumose. Aggiungere lo zucchero poco per volta e continuare a sbattere con lo sbattitore. Mischiare la farina con il lievito e il cacao e aggiungere poco per volta alle uova.
Versare il composto in una teglia dai bordi bassi e rettangolare, rivestita di carta forno. Mettere in forno già caldo a 160° per circa 30 minuti.
Appena sfornato, lasciare raffreddare e togliere la carta. Inumidire un canovaccio con acqua aromatizzata con qualche goccia di essenza al rum. Strizzarlo per bene. Cospargere il canovaccio con due cucchiai di zucchero semolato, adagiare il panettone e coprire anche i bordi del panettone con il canovaccio umido. Lasciare inumidire il panettone per circa mezz'ora.
Mentre in una casseruola antiaderente versare lo zucchero, la liquirizia in polvere e l'amido. Versare poco per volta il latte e mescolare senza creare grumi. Accendere il fuoco e continuare a mescolare finchè non risulterà semidensa.
Non appena la crema si sarà raffreddata distribuire la crema sul rotolo e arrotolarlo. Avvolgere nella carta alluminio e riporre in frigo per circa un'ora.
Nel frattempo montate la panna con lo zucchero, lo sciroppo e il colorante.
Al momento di servire decorare con la panna a vostro piacere. 

martedì 17 dicembre 2013

RAVIOLI CON VONGOLE (ripieni di gamberi e patate)

Ecco cosa vi proponiamo per il vostro menù di Natale! Un primo che potrete preparare con calma anche la sera prima e cuocere poco prima di sedervi a tavola.Un primo davvero raffinato e delicato. 
Vi consigliamo anche un ottimo vino da accompagnare al vostro Natale a base di pesce: il TAIF, vino zibibbo, non da dessert ma da pasto, prodotto dalle "Cantine FINA", nel territorio marsalese. 







Ricetta per 15 ravioli (2/3 persone)

Per la pasta fresca:
400 gr di farina Bi-Aglut da 500 gr
1 uovo
250 gr di acqua tiepida
2 cucchiai di olio
sale

Per il ripieno:
15 gamberi di taglia media
3/4 patate bollite
prezzemolo
pepe
curry
olio

Sugo in bianco alle Vongole:
1 kg di vongole
2 spicchi d'aglio rosso
olio
prezzemolo
pepe

PROCEDIMENTO

PER LA PASTA:
Disporre la farina a fontana su un piano di legno per lavorare gli impasti e aggiungere del sale; aggiungere l'uovo al centro della fontana e iniziare ad amalgamare con la farina, continuare ad impastare aggiungendo l'acqua diluita con l'olio, finchè non si formerà un impasto uniforme, morbido e leggermente umido. Non appena l'impasto sarà pronto avvolgerlo in uno fazzoletto di stoffa inumidito, tagliare un pezzetto dell'impasto e allungarlo sul tavolo da lavoro con un mattarello o con la macchina per stendere la pasta.Non stendere la pasta troppo sottile perchè rischiate che si spezzi.
Ritagliate dei quadrati e disponete su un lato mezzo cucchiaio di ripieno. Ricoprire con l'altra estremità del quadrato, avendo cura di far uscire l'aria dal raviolo e richiudete con una rotella dentata. Se dovesse asciugarsi l'impasto bagnate le dita con un pò d'acqua per chiudere le estremità del raviolo.

PER IL RIPIENO:
In una padella versate un cucchiaio di olio, i gamberi sgusciati, un po' di prezzemolo tritato, sale, pepe e curry. Lasciare scottare per pochissimi minuti. Versare i gamberi in un mix/tritatutto, in modo da ridurli a pezzetti o purea. In una ciotola schiacciare le patate bollite, unire i gamberi e aggiustare di sale, pepe, curry e prezzemolo. 

SERVIRE IL PIATTO:
Dopo aver lasciato una mezzora in acqua salata fredda le vongole,lavarle per bene avendo cura che non contengano sabbia (un trucchetto: sbattetele nelle parete del lavandino, quella piena di sabbia verrà fuori!!!). Versare le vongole in una penatola, senza acqua o sale, e lasciare cuocere finchè non si saranno aperte.
Raccogliere in una ciotola la loro acqua e filtrarla. 
A questo punto, preparare una padella o grande casseruola con una fondo di olio, aglio e qualche vongola sgusciata. Fate scaldare, senza far dorare l'aglio! Aggiungere l'acqua filtrata delle vongole, solo fino a coprire il fondo della padella (circa 1 cm e mezzo).
Portare ad ebollizione dell'acqua per cuocere i ravioli. Gettare i ravioli in acqua e lasciarli cuocere per max 5 minuti. A questo punto, versate i ravioli nella padella con l'olio, aglio ecc e aggiungete le altre vongole con guscio o senza, lasciarli insaporire e ultimare la cottura con l'acqua delle vongole, aggiungere prezzemolo e servire.

BUON APPETITO! 






lunedì 16 dicembre 2013

DOLCE NATALE gluten-free...da noi e da Glutenfreetravel&living

Noi Spuntine, insieme alle nostre amiche di "GlutenFreeTravel&Living", non potevamo lasciarvi a Natale senza una fantastica, ricchissima e dolcissima raccolta di ricette dei dolci natalizi gluten-free.
In questa raccolta troverete non soltanto dolci della tradizione italiana ma anche da tutto il mondo...
Che aspettate...correte a scaricarlo cliccando QUI.
Felice Natale a tutti voi...




venerdì 13 dicembre 2013

TIMABALLO DI RISO CON CUORE DI CRESCENZA E POMODORI SECCHI

Oggi abbiamo rispettato la tradizione non solo perchè partecipiamo al consueto appuntamento del  "GLUTEN FREE FRI(DAY)" organizzato dalla redazione di Gluten freeTravel&Living, ma perchè oggi è Santa Lucia e qui da noi si festeggia mangiando cuccia (grano) e riso. Ovviamente noi optiamo per il riso, cereale naturalmente primo di glutine, e vi proponiamo questo nostro esperimento squisitamente riuscito.

              

INGREDIENTI:

250 gr di riso tipo parboiled
50 gr di speck
50 gr di pomodori secchi
100 gr di crescenza
mezzo porro
1 dado vegetale
2 cucchiai di olio
2 cucchiai di grana padano
1/4 di bicchiere di vino
pangrattato
aghi di rosmarino
PROCEDIMENTO

Portare ad ebollizione un pentolino con acqua e dado.
In una casseruola antiaderente versare l'olio, metà del porro tagliato a rondelle sottili, metà dello speck tagliato a pezzetti. Fare rosolare per qualche minuto. Aggiungere il riso e lasciare tostare per qualche minuto. Sfumare con un pò di vino bianco e lasciare evaporare. 
Aggiungere il brodo poco per volta, finchè il riso non sarà cotto. Condire con qualche ago di rosmarino e grana
A parte, tritare i pomodori secchi e mischiarli alla crescenza.  
Imburrare 2 stampini da forno e cospargere con del pangrattato. Riempire gli stampini da forno fino a metà con il riso, aggiungere uno strato di crema di pomodori e crescenza e, di nuovo, ricoprire con il riso. Cospargere con un pò di pangrattato e grana. Mettere in forno a 180° per circa 15 minuti.
In un piccolo padellino, coprire il fondo con dell'olio e fare scaldare. Versare nell'olio il resto del porro tagliato a rondelle e il resto dello speck. lasciare cuocere finchè non saranno dorati. 
Sformare i timballi di riso e decorare con speck e porro fritti. 





martedì 10 dicembre 2013

Rispondi e vinci! Il 1° Give Away di Gluten Free Travel and Living

Non vi sveliamo molto, vi diciamo solo che abbiamo preparato per voi un premio gustosissimo con la collaborazione di Si.Gi.!



Correte a scoprire come partecipare!
Clicca qui.




venerdì 6 dicembre 2013

100% Gluten Free (fri)Day: Involtini di Verza con quinoa

Potevamo perderci il 100% gluten free (fri)day? MAI!
E anche se arriviamo con un po' di ritardo vi proponiamo questa ricetta, senza glutine e gustosa!

Per avere maggiori dettagli sull'iniziativa date un'occhiata qui http://goo.gl/tQIqZ9
O collegatevi alla pagina facebook http://goo.gl/MSAzct e utilizzate l'hashtag #GFFD!



Finalmente l'abbiamo provata anche noi... la QUINOA!!
Una pianta che merceologicamente viene classificata come cereale, è molto particolare, molto antica. Il suo utilizzo nel corso dei decenni è caduto in disuso e soltanto negli ultimi anni sta "tornando di moda". Si perché è molto richiesta ed utilizzata nella cucina vegetariana e senza glutine, particolarmente ricca di fibre e magnesio.
Noi abbiamo provato la Quinoa Bio della NutriFree, la quale necessita di una precedente tostatura prima della cottura, percé, se viene soltanto bollita, potrebbe risultare un po' amara . In merito al gusto, per chi non l'avesse mai provata, somiglia molto al riso, vagamente alle lenticchie, ma fondamentalmente prende il sapore di ciò che l'accompagna. Per questo è molto indicata per zuppe, brodi e  minestre. Noi però abbiamo voluto provarla come ripieno, e dobbiamo dire che l'esperimento è riuscito molto bene...





INGRDIENTI:

5 foglie di verza
200 g di verza tagliata a pezzetti
2 patate bollite a tocchetti
200 g di impasto per salsiccia
100 di quinoa
mezza cipolla
50 di provoletta dolce a cubetti
una manciata di pangrattato
olio
sale
pepe
curry
acqua
PROCEDIMENTO

Versare in acqua bollente salata le foglie di verza intere. Lasciate cuocere per circa 10 minuti, non di più altrimenti si sfaldano e non si possono arrotolare. In una padella versare la quinoa e lasciarla tostare per circa 10 minuti, girandola più volte. Successivamente versare la quinoa  in acqua bollente salata, cuocere per circa 20 minuti. Scolare la quinoa e mettere da parte.
Tagliare la verza a strisce/pezzetti  e mettere in una padella antiaderente con 3 cucchiai di olio, 3 cucchiai d'acqua, sale, pepe, curry e mezza cipolla tagliata a listarelle. Lasciare stufare a fuoco medio per circa 10 minuti, con il coperchio. Quando la verza sembrerà appassita togliere il coperchio e lasciare rosolare (non troppo!!) a fuoco vivo per circa 5 minuti.
Tolta la verza, nella stessa padella, aggiungere l'impasto di salsiccia e cuocere per bene.
In una ciotola versare la quinoa, le patate bollite, la salsiccia, il curry qb, la provoletta dolce, sale e pepe. Amalgamare tutto, anche con le mani. Prendere un po' di impasto e posizionarlo  alla punta di una foglia di verza bollita, arrotolare e ripiegare i bordi dell'involtino verso sotto. Così anche per le altre foglie di verza.
Imburrare e cospargere di pan grattato una pirofila e riporre gli involtini. Tagliare delle fette di provoletta dolce e distribuirle sugli involtini. Mettere in forno già caldo a 180°, per massimo 20 minuti.