Etichette

martedì 26 febbraio 2013

ARISTA DI MAIALE AGLI AGRUMI


Nelle settimane passate abbiamo sopravvissuto più che vissuto come persone normali, abbiamo scritto tesi e abbiamo visto le nostre coinquiline scrivere tesi. C'era poi chi studiava per gli ultimi esami. Non facevamo altro che vedere libri e perfino la televisione aveva smesso di funzionare. C'è stato un giorno in cui Rossella, la filosofa di casa, è entrata in cucina, alle 12:00 circa e ha affermato "Io fra 10 minuti mangio, così mi tolgo il pensiero". Si è accomodata a tavola, senza tovaglia, senza bicchiere, ha cotto un po' di pasta e c'ha messo sopra un po' di sugo pronto.
Poi un giorno le nostre mamme hanno deciso di fare qualcosa, di riempire la cucina di agrumi e di portarci dei viveri. Abbiamo mangiato come fanno le persone normali e soprattutto abbiamo gustato, tutti assieme, mamme, fratelli fidanzati ed amici, una cena completamente gluten free.
INGREDIENTI:
(per 10-12 persone)
 2,5 kg di arista di maiale nella rete;
agrumi vari (noi 2 arance, 2 limoni, 4 mandaranci, 4 mandarini)succo e scorza (la scorza solo di metà frutto);
alloro, salvia, rosmarino, pepe nero;
1 bicchiere di aceto balsamico;
2 cipolle grosse;
2 spicchi d'aglio;
sale e olio EVO.

PROCEDIMENTO:
Far soffriggere la cipolla tritata e l'aglio. Aggiungere l'arista, salarla e peparla, farla rosolare. Aggiungere un bicchiere di aceto balsamico e fare evaporare. Aggiungere il succo di tutti gli agrumi e lasciare momentaneamente da parte la scorza. Lasciar cuocere per circa 2 ore, aggiungere la scorza e lasciar cuocere ancora per mezz'ora sempre a fuoco lentissimo.
Se il sugo risulta troppo liquido lasciarlo addensare facendolo cuocere a fuoco vivo o con un po' di addensante. (Basta mettere in una tazzina della farina senza glutine con del burro o dell'olio e amalgamare finchè non ne viene fuori un impasto. Aggiungerlo al sughetto e lasciar cuocere finchè non si scioglie)
Servire con contorno a scelta, noi patate al forno!
BUON APPETITO!

venerdì 22 febbraio 2013

Cous Cous con stufato di salsicce al finocchietto selvatico

Finalmente ce l'abbiamo fatta! Era da settimane che andavamo alla ricerca di questo finocchietto, ma causa maltempo è stato impossibile trovarlo.
Lo stufato di salsicce è molto simile ad una ricetta che avevamo già pubblicato tempo fa, tuttavia il cous cous ci mancava.
Vi consigliamo anche di provare il nuovo preparato per brodo della Germinal-Bio per insaporire al meglio il brodo del cous cous. Per la presentazione ci siamo servite delle nostre solite tecniche rudimentali: abbiamo unto con olio una tazza, abbiamo versato il cous cous, compattato un pò con un cucchiaio e scaravoltato.
A parte la modestia, è venuto fuori un risultato FANTASTICO!!!


INGREDIENTI (per 4 persone):

400 gr di semola per cous cous GF NutriFree
500 gr di salsicce di suino
abbondante finocchietto selvatico
2 litri di passata di pomodoro
2 cucchiai di olio E.v.o.
1/2 cipolla
1 1/2 litro di acqua
1 spicchio di aglio
due cucchiai di mandorle 
due cucchiai di pinoli
1/2 bicchiere di vino bianco
sale, pepe, olio

PROCEDIMENTO

In una casseruola versate un filo d'olio, mezza cipolla tagliata a pezzetti, uno spicchio di aglio e la salsiccia. Mettere sul fuoco a fiamma moderata e bucherellare con una forchetta la salsiccia. coprire con un coperchio.
Dopo circa 15 minuti togliere il coperchio e lasciare rosolare la salsiccia. Sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco. Aggiungere la passata di pomodoro e condire con sale e pepe. A parte bollite in acqua salata il finocchietto selvatico. Scolare il finocchietto e frullarlo con l'aggiunta di un po' d'acqua di cottura, le mandorle e i pinoli. Aggiustare di sale e pepe.
In una pentola versare dell'acqua e aggiungere circa 4 mestoli del sugo cotto (senza le salsicce), 2/3 cucchiai del pesto di finicchietto, due cucchiaini di preparato per brodo Germinal Bio e portare ad ebollizione.
In una ciotola abbastanza capiente versate il couscous precotto, i due cucchiai di olio, pepe e sale. Aggiungere al cous cous circa 400 ml di brodo (quello preparato sopra) e aiutandovi con una forchetta sgranate il cous cous. Coprite e lasciate riposare per circa 15 minuti.Trascorsi i 15 minuti assaggiare la cottura del cous cous, se reputate sia ancora crudo aggiungete dell'altro brodo.
Servire il cous cous accompagnato con sugo e salsicce, un cucchiaio di pesto di finocchietto e lasciate sul tavolo una zuppiera con il brodo per chi ne gradisse ancora.
BUON APPETITO!!


lunedì 18 febbraio 2013

Uno SPOT per AIC Trapani

E' con grande entusiasmo che vi comunichiamo che l' Associazione Italiana Celiachia (AIC) sede provinciale di Trapani ha realizzato uno spot televisivo sulla celiachia, che da oggi andrà in onda su TGS, durante il notiziario. Lo spot televisivo sarà in onda nei seguenti orari: 13.50+ 15.15 / 14.45 +20.20. 


Lo spot è stato ideato e realizzato dalla nostra Spuntina Federica Barbera, dal nostro fotografo e grafico di fiducia Giuseppe Massaro e da Maurizio Schifano. 
Lo spot mandato in onda è di soli 20 secondi rispetto all'originale; speriamo a breve di poter pubblicare la versione integrale.
Buona Visione!!!

venerdì 15 febbraio 2013

LE RIFATTE SENZA GLUTINE: Mini crumble di Banane

Ci sono appuntamenti a cui non possiamo mancare nonostante i tanti impegni, le trasferte, le diete e chi più ne ha, più ne metta. Questo mese, poi, non potevamo mancare all'appuntamento delle rifatte perchè c'erano in gioco dei dolcetti deliziosissimi.
Le regole delle rifatte sono sempre le stesse e le trovate in questo blog dedicato.
Abbiamo seguito alla lettera la ricetta di Marcella alias Celiaca per amore, con un'unica variante necessaria: abbiamo sostituito i pinoli con le nocciole!
Dolcetti da rifare assolutamente perchè sono velocissimi e deliziosi!(nonostante non amiamo particolarmente i dolci alle banane).


Il prossimo appuntamento è il 15 marzo da Fabiana con il suo apple pear crisp.

lunedì 11 febbraio 2013

GATEAU CON VERDURE AL CURRY E FUNGHI

Può succedere, ogni tanto, che dalla dispensa più vuota scaturiscano le ricette migliori. E' il caso di questo gateau, nato per caso in uno di quei momenti di panico in cui si pensa alla cena e ci si accorge alle sette di sera che non si ha nulla da mangiare. Il brutto tempo di questi giorni di certo non ci sprona a fare la spesa, tuttavia la sera in cui abbiamo mangiato questo piatto eravamo intenzionate ad uscire (sì, ogni tanto anche noi ci togliamo le pantofole!) e quindi avevamo bisogno di mettere nello stomaco qualcosa che si mangiasse velocemente e che, nello stesso tempo, contribuisse a non farci subire le conseguenze di qualche bicchiere di troppo (è nota la proprietà "assorbente" delle patate!). Per fortuna non siamo delle bevitrici incallite ma, a proposito di bevande, vi consigliamo di accompagnare questo secondo con un bel bicchiere di vino rosso :)









INGREDIENTI:

2 kg di patate lesse e schiacciate
1 uovo
1 mazzetto di bietole
cavolo cappuccio
150 gr di funghi champignon
100 gr di fesa di tacchino (salume) senza glutine
80 gr di parmigiano
100 gr. scamorza affumicata a fettine
100 gr di pangrattato "sicilia a tavola"
sale, pepe, noce moscata, curry
1 spicchio d'aglio, mezza cipolla
una noce di burro

PROCEDIMENTO

Dopo aver bollito e schiacciato le patate con uno schiaccia patate, aggiungere l'uovo e la noce di burro, condire con sale, pepe, parmigiano, curry e noce moscata. Amalgamare il tutto. In una padella mettere uno spicchio di aglio, la cipolla, una po' di burro, far rosolare e versare le bietole e il cavolo precedentemente lavati e tagliati. Aggiungere curry, pepe e sale e far cuocere. In un'altra padella mettere un po' di olio, uno spicchio di aglio e i funghi tagliati sottili.
Far saltare per 5 minuti e aggiungere sale e pepe. Rivestire una teglia con della carta da forno; versare una piccola quantità di pangrattato sul fondo e aggiungervi metà del composto di patate. Per ottenere una superficie liscia e compatta spalmate il composto con le mani (inumiditele con acqua o latte per evitare che si attacchi alle dita).
Distribuirvi sopra le verdure saltate, i funghi, la fesa, la scamorza e il parmigiano. Aggiungere l'altra metà del composto e versarvi un altro strato di pangrattato e parmigiano. Mettere in forno a 200 gradi per mezzora. A fine cottura azionate per qualche minuto il grill e infine spegnete il forno, lasciate riposare  e servite.

sabato 9 febbraio 2013

CIAMBELLA AL CACAO CON SALSA ALLE SPEZIE

Tutto il resto è noia!! Abbiamo ultimato, abbiamo pagato, abbiamo firmato, stampato e consegnato....e adesso??!! Inizia il conto alla rovescia per la laurea. In mancanza di ulteriori impegni incombenti ci diamo alla cucina. Inoltre, il cattivo tempo qui non ci dà tregua e dobbiamo consolarci con qualcosa di avvolgente.
La foto non fa molto onore a questo dolce, tuttavia fidatevi di noi...la salsa è qualcosa di sublime!!!



INGREDIENTI:

150 gr di farina Bi-Aglut (da 500 gr)
80 gr di nocciole
150 gr di zucchero
1 cucchiaio di zucchero
4 uova
80 gr di burro
50 gr di cacao amaro in polvere
un pizzico di sale
2 cucchiaini di lievito per dolci

Per la salsa:

180 gr di cioccolato bianco
150 ml di panna fresca liquida
zenzero, cannella, pepe garofanato (o pepe rosa) e noce moscata

PROCEDIMENTO

Tritare finemente le nocciole con un cucchiaio di zucchero. In una ciotola sbattere le uova con il resto dello zucchero e un pizzzico di sale, finchè non avrete una crema liscia e omogenea. Incorporare poco alla volta la farina setacciata con il cacao e il lievito, le nocciole tritate e il burro (precedentemente fatto sciogliere a bagnomaria e raffreddato). versare il composto in uno stampo da ciambella, precedentemente imburrato e infarinato e infornare a 180° per 40 min.
Nel frattempo preparare la salsa, sciogliendo a bagnomaria il cioccolato e la panna, a cui avrete aggiunto le varie spezie.
Servire la ciambella ben fredda, accompagnata dalla salsa alle spezie.

mercoledì 6 febbraio 2013

Pasta "cu capuliato" di pomodori secchi, pancetta e panna

Con il termine "CAPULIATO" nella zone della sicilia orientale, nello specifico a Ragusa, s'intende un macinato di pomodori secchi, olio, aglio e prezzemolo. Con questo tipo di conserva fatta in casa, gentilmente offertaci dalla mamma di Rossella  e rigorosamente naturalmente senza glutine, abbiamo voluto provare un nuovo arrangiamento con l'aggiunta di un po' di pancetta affumicata e un po' di panna.
Noi abbiamo utilizzato le penne, ma vanno bene anche altri formati di pasta.
Aggiungiamo inoltre, che non esiste una ricetta unica per la preparazione del "Capuliato", basta semplicemente frullare con olio d'oliva dei pomodori secchi e aggiungere a proprio gusto aglio, pepe, sale e per chi volesse anche prezzemolo.



INGREDIENTI (per 4 persone):
70 gr di Capuliato
400 gr di penne senza glutine "Le veneziane. Molin di ferro"
120 gr di pancetta affumicata
mezza busta di panna da cucina
2 cucchiai di Formaggio tipo Philadelphia
sale, pepe
1 spicchio d'aglio
1/4 di cipolla
olio e.v.o

PROCEDIMENTO

In una padella mettere l'olio, l'aglio, la cipolla e la pancetta affumicata. Fare rosolare. Aggiungere il capuliato e lasciare cuocere per qualche minuto. Aggiungere alla fine la panna e il formaggio cremoso, un po' di sale e pepe. Nel frattempo mettere una pentola a bollire con dell'acqua e cuocere la pasta. Appena cotta la pasta condire con il sugo del capuliato. 
Buon appetito!!