Etichette

sabato 29 ottobre 2011

ARANCINA-SUPPLI'

Il più grande scontro in cui si sia imbattuto l'umanità è la scelta tra il termine arancino e il termine arancina.
I sostenitori del genere maschile si trovano in particolare nel versante orientale della nostra bella isola, i fan dell'arancina, in quello occidentale. Nonostante la tradizionale arancina sia ripiena di ragù, altrettanto famosa è la versione "al burro", ovvero con prosciutto e formaggio. Un famosissimo bar palermitano ne moltiplica le versioni, ne moltiplica anche il peso...creando così la famosissima arancina "bomba". Per darvi un'idea..si trova persino quella al salmone per ben 450g di morbidezza e sapore!!
La nostra versione, gluten-free, è molto veloce..i più precisi la chiamerebbero supplì! Un bel risotto, ben condito, saporito..racchiuso in una croccantissima panatura rigorosamente fritta!!!
Provare per credere!!!


INGREDIENTI
1 kg di riso parboiled
700 g di carne trita
2 melanzane grandi
1 panetto di mozzarella
150 g di provola a dadini
250 g di prosciutto cotto
750 ml di passata di pomodoro (1 bottiglia)
2 carote
2 coste di sedano
1 cipolla
mezzo bicchiere di vino;
sale , pepe e noce moscata;
1,5 l di acqua;
2 dadi;
100gr di burro;
100 di grana;
2 albumi d'uovo.
olio per friggere.

PROCEDIMENTO
Prerarazione del ragù: in un tegame mettere olio, carote cipolla e sedano grattugiati e far soffriggere, dopo qualche istante aggiungere la carne.
Dopo 10 min sfumare con vino bianco e lasciare evaporare. Aggiungere la salsa, sale e pepe. Portare a termine la cottura del sugo lasciandolo molto ristretto.
Preparazione del riso: in una pentola fate bollire l'acqua con i dadi e un po di sale; appena bolle versare il riso e lasciare che si assorba tutta l'acqua a fouco acceso. Quando il riso sarà cotto, scolarlo, aggiungere il burro e il grana. Fare intiepidire e aggiungere il ragù (che avrete precedentemente scolato), la mozzarella, la provola, le melanzane (che avrete tagliato a cubetti e fritto), il prosciutto sminuzzato.
Preparare delle "palle" e passarle prima nell'albume sbattuto e salato e poi nel pan grattato.
Se gradite una panatura più spessa, ripetere quest'ultimo procedimento due volte.
Riscaldare l'olio in una padella profonda o nella friggitrice. Friggere finchè non saranno ben dorate e croccanti.

BUON APPETITO!!!

giovedì 27 ottobre 2011

LUMACHE CON AGLIO E MOLLICA

Le lumache sono un tasto dolente!!sicuramente non piacciono a tutte noi...qualcuna le va a raccogliere gironzolando per le campagne...qualche altra, sconvolta, non solo urla all'omicidio, ma quando ne trova una la mette al sicuro.
E' chiaro, hanno un gusto particolare, non si trovano facilmente, ma in tempo di pioggia sono abbastanza reperibili..e le versioni sono numerose!
Queste vengono chiamate "crastoni", sono le più grosse, le più saporite e anche quelle che più possono disgustare!
Questa versione, piaccia o no, è molto molto gustosa, ideale come antipasto ma anche come piatto unico!!
Il sapore particolare delle lumache viene accompagnato dal sapore forte dell'aglio, dalla morbidezza della mollica e dalla dolcezza del pomodoro!!!


Non inseriamo le dosi perché non c'è una vera e propria ricetta, basta fare tutto ad occhio!

INGREDIENTI:
Lumache;
aglio;
salsa di pomodoro;
mollica senza glutine*;
prezzemolo
sale;
pepe;
olio.

PROCEDIMENTO:
Lavare per bene le lumache sotto il rubinetto. Metterle sul fuoco (a fiamma debolissima) in una pentola con un po' di acqua, in modo da farle uscire dal guscio (solo una parte verrà fuori!).
Togliere dal fuoco e sciacquare nuovamente. Rimettere le lumache sul fuoco con un po' di acqua per qualche altro minuto. Risciacquare e gocciolare. In una padella, mettere olio e far soffriggere uno spicchio d'aglio tritato. Dopo qualche istante aggiungere la salsa, il pepe, il prezzemolo e condirla con il sale. Cuocere ancora per una decina di minuti. Per ultimo, aggiungere la mollica sbriciolata e le lumache.
*La mollica senza glutine è già abbastanza spessa, è utile però bagnarla un po' e lavorarla con le mani per formare delle molliche più grandi; in alternativa utilizzare la baguette grattugiata.
Lasciar insaporire per almeno un quarto d'ora.

mercoledì 19 ottobre 2011

RISOTTO ALLA ZUCCA

Come ben sapete i mercati rionali sono una nostra passione ed è proprio passeggiando per il mercato che abbiamo trovato 2 belle fette di zucca gialla, nasce così questa ricetta semplice ma buona come poche...

INGREDIENTI per 4 persone :
500g di zucca gialla
250 g di salsiccia
300 g di riso
500ml di brodo vegetale
1/2 cipolla
olio,sale,pepe e parmigiano qb.

PREPARAZIONE:
In una terrina mettere un filo d'olio e lasciare soffriggere la cipolla tagliata finemente,appena questa si sarà leggermente colorata aggiungere la salsiccia che avrete precedentemente tolto dal budello e lascir soffriggere per pochi minuti.Quando la salsiccia sarà quasi cotta mettere all'interno della terrina la zucca tagliata a dadini e lasciar cuocere il tutto con un mestolo di brodo vegetale per circa 10 minuti. Passati i dieci minuti aggiungere il riso ed il brodo vegetale necessario fino ad ultimare la cottura...aggiustare di sale e pepe e se è gradito aggiungere il parmigiano... che dire semplice e veloce... buon appetito!!

venerdì 14 ottobre 2011

SCALOPPINE ALLA MELAGRANA

A metà settembre, ad esami conclusi e quando Valentina aveva finalmente (per qualche giorno) smesso di lavorare a San Vito Lo Capo, siamo riuscite a goderci qualche giorno di vacanza, tutte assieme, senza pensieri...facendo un po' le turiste in casa nostra.. (in realtà casa nostra è un "melting pot" siciliano!Abbiamo messo sotto lo stesso tetto una mazarese, una siracusana, un'agrigentina e tre trapanesi non proprio d.o.ci!)
..noi stiamo quasi tutto l'anno a Palermo e forse proprio per questo Trapani ci sorprende continuamente..(vale per noi trapanesi ovviamente!)
La città è invasa dai turisti grazie ai voli low cost che atterrano a Birgi. Le vie del centro storico respirano aria nuova, tanti locali, nuovi negozietti di artigianato...e le facciate dei palazzi rifatte a nuovo.
Comunque, di Trapani, e dei locali gluten free che dobbiamo segnalarvi, parleremo più avanti..in un altro post...
Adesso vi lasciamo questa ricettina facile facile facile...gustata in quei giorni..sotto un bel portico e accompagnata da un buon bicchiere di vino.


no!!ma queste non sono le scaloppine!!:D

Ecco le scaloppine!


INGREDIENTI:
(per 8 persone)

8 fettine di lacerto (o altro taglio per scaloppine)
2 melagrane;
farina (noi bi-aglut);
2 spicchi d'aglio;
sale, pepe, olio extra vergine d'oliva.

PROCEDIMENTO:
Schiacciare con forza le melagrane su un piano rigido. Forare il frutto in modo tale da far uscire il succo e, se necessario, filtrarlo.
Salare le fette di carne e infarinarle leggermente.
In un tegame ampio far soffriggere in un po' d'olio l'aglio intero. Una volta che dorato, metterlo da parte e aggiungere la carne che farete dorare da entrambi i lati.
Aggiungere il succo ed il pepe, se necessario. Coprire con un coperchio per qualche minuto..e poi servire (con l'aggiunta di qualche "chicco").
Buon appetito!

martedì 11 ottobre 2011

MARMELLATA DI PESCHE CON LIMONE E CANNELLA

Tra le tante cose che abbiamo fatto (e non fatto) quest'estate c'è questa marmellata di pesche.
E' stato il primo approccio con la marmellata fatta in casa ed il risultato è stato positivo...densa al punto giusto, profumata  e gustosa.
La ricetta è stata presa da questo blog, trovata assolutamente per caso, dopo aver consultato tante pagine. L'unica cosa è che lo zucchero segnato è un po' troppo...così ne abbiamo ridotto la dose.
Il limone contiene pectina naturale..quindi non è stato necessario aggiungerne di altra; la cannella dona un profumo delizioso!!!
Le pesche sono quelle di Bivona...paese famosissimo per la sua pesca e per la sagra dedicata a questo frutto gustoso e colorato!
...la colazione per tutto l'inverno è garantita!!!



INGREDIENTI:
1kg di pesche sbucciate e tagliate a pezzi;
750g di acqua;
450g zucchero;
la polpa di un limone;
1 stecca di cannella.

PROCEDIMENTO:
Far bollire l'acqua con lo zucchero e dopo circa dieci minuti dalla bollitura aggiungere le pesche.
Dopo mezz'ora aggiungere il limone e la cannella.
Lasciar cuocere a fuoco lento, mescolando, affinchè raggiunga la consistenza ideale.
Riempire i barattoli (precedentemente sterilizzati) e metterli sottosopra finchè la marmellata non si sarà raffreddata.
E' consigliabile utilizzare delle etichette così da segnare il mese di preparazione...non si sa mai si perdano nella dispensa!!!:)

giovedì 6 ottobre 2011

LASAGNE VERDURE E SPECK

Questo caldo, che continua imperterrito, è, a parer nostro, fastidioso ed insopportabile. Non per dispetto a chi già da tempo ha a che fare con pioggia e freddo, ma l'autunno si chiama così per il freschetto, per la pioggerellina, per la copertina che tiri su durante la notte. A noi l'autunno piace perchè cominciamo a fare le torte, perchè ci piace stare davanti il forno o a chiacchierare davanti una tazza di te..!!!Invece, dentro la nostra cucina a vetri si muore di caldo e andiamo avanti a yogurt e insalate...!
Ovviamente ogni regola ha la sua eccezione, e queste lasagne sono l'esempio!!
Semplicemente deliziose, gustose.. e molto colorate!
Forse la foto non rende bene...le abbiamo gustate noi per voi!!!



INGREDIENTI (per 8 porzioni):

Per la besciamella:

50 gr di burro
50 gr di farina Bi-Aglut da 500gr
1/2 l di latte
noce moscata-pepe-sale


Per le lasagne:
4 peperoni di colori diversi
2 melanzane
4/5 zucchine medio/grandi
500 g di funghi champignon
750 ml di passata di pomodoro
200 g di speak a fette
200 g di scamorza affumicata
200 g di formaggio a pasta filata
150 g di parmigiano
1 pacco di lasagne senza glutine (noi usiamo Bi-Aglut o Alimenta2000)
1 spicchio di aglio e mezza cipolla
basilico, sale e pepe

PROCEDIMENTO PER LA BESCIAMELLA:
In un pentolino, mescolare (con una frusta) il latte con la farina, in modo tale che la farina non formi grumi.
Accendere il fuoco e unire il burro, un po' di sale, pepe e noce moscata. Mantenere il fuoco a potenza bassa.
Mescolare con frusta in modo tale da mantenere liscia la besciamella.
Aggiungere latte se necessario.

PROCEDIMENTO PER LE LASAGNE
Preparare la salsa di pomodoro mettendola sul fuoco a fiamma bassa, condendola con un po' di sale e basilico. Appena cotta, unirne metà alla besciamella e l'altra metà conservarla per un passaggio successivo. Nel frattempo, lavare e tagliare a tocchetti le zucchine e i peperoni; metterli ad appassire in una padella con olio, aglio, un po' di cipolla a fette, sale e foglie di basilico. A parte, friggere le melanzane a cubetti. Tagliare a fette i funghi e cuocerli in una padella con una punta di acqua. Appena appassiti un po', passarli in padella con peperoni e zucchine. Non appena le verdure saranno a metà cottura, spostarle in un tegame e aggiungere anche le melanzane e la salsa rimasta, qualche altra foglia di basilico e stufare per altri 15/20 min.
In una pirofila cospargere il fondo con 2 mestoli di salsa/besciamella, adagiarvi sopra il primo strato di lasagne, le verdure, lo speck, i formaggi e di nuovo la salsa/besciamella con una spolverata di parmigiano. Continuate così fino a comporre tanti strati quanti ne vorrete...
Porre in forno caldo a 180° per una ventina di minuti.

BUON APPETITO!

domenica 2 ottobre 2011

CASSATELLE DI RICOTTA DOLCI

Ci siamo cimentate in questa impresa Sabato pomeriggio. Impresa perchè  è stato davvero difficile riuscire a dare una forma compatta a questo impasto. Innanzitutto iniziamo col dirvi, per chi non lo sapesse, che le "cassatelle dolci di ricotta" sono un tipico dolce trapanese, una sorta di raviolo dolce fritto.
L'impasto casereccio si lavora con del vino bianco, la ricotta deve essere poco lavorata e la ricetta prevede anche l'aggiunta di scaglie o gocce di cioccolato fondente (noi abbiamo aggiunto anche della cannella in polvere, fantastica!!).
Dopo aver aggiunto olio e vino finchè è bastato, ecco il risultato...SQUISITE!!

 


INGREDIENTI:
500 gr di farina Bi-Aglut da 1/2 kg
2 uova
100 ml di olio d'oliva
150 ml di vino bianco tiepido
20 g di zucchero semolato
1 bottiglia di olio per friggere
Zucchero a velo

Per il ripieno:
500 g di ricotta fresca asciutta
125 g di zucchero
80 g di gocce di ciccolato fondedente
un po' di cannella in polvere

PROCEDIMENTO:

Disporre su un piano da lavoro la farina a fontana, aggiungere le due uova e lo zucchero ed iniziare ad amalgamare il tutto. Continuare aggiungendo il vino e l'olio finchè non riuscirete ad ottenere un impasto morbido ma non troppo bagnato. Nel caso l'impasto ancora non riuscisse a legare provate con altro olio e poco vino. Lasciate riposare per 20 min l'impasto, avvolto in un canovaccio umido. Trascorsi i 20 min prendete dei pezzetti di pasta e passatelli nella macchina per stendere la pasta (da noi chiamata "nonna papera") . Fate in modo che la sfoglia non sia troppo sottile perchè altrimenti il ripieno di ricotta umido bagnerebbe la pasta rompendola.
Per la preparazione del ripieno basta semplicemente aggiungere lo zucchero e il cioccolato ( per chi volesse anche la cannella) alla ricotta e lavorarla con un cucchiaio, fino a renderla quasi una crema.
Disponete sulle sfoglie di pasta con un cucchiaino da tè la ricotta,  richiudete con altra pasta formando delle mezzelune con le rotelle dentate da cucina.
Riscaldate abbondante olio di semi e tuffate le cassatelle. Servire con una spolverata di zucchero a velo.